Immagine associata alla pagina

Sassari-Olbia: nuova interrogazione alla Camera per trovare soluzioni che accelerino i lavori

 

Il lavori di adeguamento dell’itinerario Sassari-Olbia continuano a subire grossi ritardi in molti dei lotti già appaltati, sia a causa di problemi e ricorsi nelle aggiudicazioni, sia per difficoltà delle imprese che devono eseguire gli interventi.

I lotti 2, 4, 5 e 6, affidati a una società oggi commissariata, sono ancora fermi (per i primi due lo stato di avanzamento è 0, per gli altri oscilla tra il 2,65 e l’8,66%); il lotto 3 procede a rilento (completato appena il 15% delle opere) mentre nel lotto 9, che è al 76%, i lavori si sono bloccati mesi  fa per la temporanea crisi di liquidità che ha colpito la società vincitrice dell’appalto. Nei quattro lotti restanti (0,1, 7 e 8), invece,  lo stato di avanzamento va dal 78 all’83% ma questo non sarà sufficiente a garantire il completamento dei lavori per il 2017. Per l’intera realizzazione dell’opera (80 km circa),  iniziata nel 2011 e che doveva essere ultimata quest’anno, si prevede una spesa di poco inferiore al miliardo di euro.

Per sensibilizzare il Governo  sul futuro dell’opera sono già state presentate numerose interrogazioni parlamentari l’ultima qualche giorno fa, alla Camera, da parte di un esponente del M5S che ha dichiarato: “Il Governo deve intervenire subito, per evitare un ulteriore e assurdo rallentamento nella realizzazione di un’opera di grande rilevanza per la Sardegna”.